Eccovi la MIA storia di Natale in gara per il concorso letterario di Montesilvano Scrive “Una storia di Natale” 🙂

L’atmosfera natalizia riscaldava i loro cuori sotto le coperte, illuminati dal torpido calore dei flash televisivi di una romantica telenovella trasmessa in prima serata. Un bacio strappato tra una pubblicità e l’altra e un tenero abbraccio concesso fra i brevi ma interminabili silenzi delle battute. “Quello sì che è vero amore!” sussurrò lei, “guarda che famiglia perfetta: padre, madre, figlio, figlia, nonno, nonna, cane e gatto, tutti affettuosamente riuniti attorno all’albero di Natale a scartare regali,che bello, la famiglia che ho sempre desiderato! Amore, ho deciso cosa devi regalarmi per Natale…un figlio!” disse commossa. “Certo fiorellino, per te questo ed altro..ti amo” le rispose.

Ed eccoli intenti a guardare le pubblicità in attesa dell’offerta migliore: “Bambini di ogni forma e colore, per tutti i gusti e le esigenze” diceva uno spot su CanaleAnale, e continuava “lo volete bravo a scuola, eccellente nello sport e genio in musica? Solo ventordici zucchine! Per chi vuole invece risparmiare qualche zucca, ma con risultati comunque soddisfacenti, abbiamo quel che fa per voi: bimbo meno bravo in matematica e un po’ grassottello ma fra i più simpatici!” E terminava così: “Per i perfezionisti infine, in offerta speciale, bimbo Bello&BravoInTutto a poche zucchine in più, ma scontato del 30% per le prime 10.000 telefonate! E non finisce qui, se avete 4.563 punti bonus del supermercato BimbiSani&BimbiBelli riceverete in omaggio con il vostro bambino l’applicazione speciale Educato&Gentile! Cosa aspettate? Telefonate subito!”

Ed eccoli, la mattina del 25 a scartare il loro regalo: bambino perfetto per un Natale perfetto, proprio come in quella telenovella. Bimbo sano e bello e che sapeva già dire mamma e papà. “Abbiamo fatto proprio un ottimo acquisto cucciolotto mio” affermò fiera lei, e aggiunse “finalmente alla messa di Natale ci vedranno come una bella famigliola felice.”

Passarono gli anni, il bimbo era ormai trentenne, laureato con 110&Lode in Giurisprudenza e conduceva una splendida carriera da avvocato divorzista. I genitori però iniziarono a notare qualcosa di anomalo. In 30 anni di vita il figliuolo non si era mai innamorato,  non aveva mai avuto un vero amico né mai detto “tvb mamma”. “Ecco! Sapevo che c’era la fregatura! Costava troppo poco per essere perfetto!” borbottò lei. Ebbene si, solo dopo anni, si accorsero che nel pacco regalo dentro cui era stato spedito il figlioletto, non era stato inserito l’allegato più importante: il cuore! Disperati si appellarono ai migliori avvocati ma non riuscirono a farsi risarcire in alcun modo. In ogni caso sarebbe stato troppo tardi poiché, anche se fossero riusciti ad ottenere un cuore gratis, il bambinello era ormai troppo grande. “Cuori impiantabili o sostituibili entro i 15 anni di età” recitava la pubblicità. Purtroppo i cuori avevano questo limite temporale, a differenza dei cervelli che erano intercambiabili fino ai 33 anni. “Tesoro che ne dici se gli cambiamo il cervello? Magari ne troviamo uno tanto sensibile da poter sostituire il cuore!” propose lei. “Non dire idiozie cara, sai benissimo che i cervelli costano troppo e non sono mai in offerta!” Rinunciarono. Passarono giornate, mesi e tristi Natali, finché un freddo giorno di qualche anno dopo, mentre se ne stavano lì come sempre a coccolarsi di fronte al calore televisivo, la soluzione a tale disperazione apparve davanti ai loro occhi, una pubblicità del tutto inedita: IN OFFERTA SPECIALE PER VOI, A SOLI 99 CENT ALLA SETTIMANA, LA NUOVA APPLICAZIONE “CUORE SENSIBILE”, SCARICABILE DIRETTAMENTE SUL VOSTRO CELLULARE!

Annunci