Cerca

Back to the future

Italian & English Articles! Personal reflections on life, relationships and energy that shines inside and outside each of us. Enjoy ♥

Mese

marzo 2014

Sondaggio/Survey: Vorreste sapere l’identità dei vostri lettori?/Would you like to know the identity of your readers?

Annunci

Equilibrio

Cos’è l’equilibrio?
Una condizione stabile e statica? Una condizione stabilmente instabile? Oppure una instabilmente stabile?
Cos’è la stabilità?
Un equilibrio statico? Un equilibrio dinamicamente stabile?
Può la stabilità essere dinamica?
Si, anzi non potrebbe essere diversamente.
La staticità non esiste.
Anche una statua si corrode nel tempo. Nulla sfugge alla dinamicità. Neanche l’equilibrio. Panta rei. Che poi, equilibrio non è mica sinonimo di immobilità. Ai miei occhi l’equilibrio è una condizione serena e pacifica. Lo vedrei come sinonimo di consapevolezza. Non importa se noi cambiamo o se sbagliamo o se siamo tristi o se ci sentiamo vulnerabili. Quello che importa è essere consapevoli di quello che ci accade. La nostra vita può essere dinamicamente instabile, per quanto riguarda eventi o stati d’animo, ma consapevolmente stabile allo stesso tempo. Maggiore consapevolezza porta maggior equilibrio, quindi minor caos. E il caos è dato dall’inconsapevolezza. Ogni emozione, ogni evento, ogni lacrima, ogni sorriso, ogni sbaglio, ogni soddisfazione, ogni azione può diventare maestro di vita. La nostra consapevolezza è lo strumento per il mezzo del quale noi siamo maestri di noi stessi. Sei triste? Chiediti perché. Sei felice? Chiediti perché. Sei insoddisfatto? Chiediti perché. Sei negativo? Chiediti perché. Non trovi il perché? Chiediti perché. Dai un senso a tutto quello che ti accade. Non sprecare le tue lacrime. Bevile, analizzale, lodale. Guardati negli occhi, parlati. Non lamentarti della tua tristezza e non dare per scontata la tua felicità. Ogni dialogo interiore è sinonimo di crescita, di consapevolezza e di equilibrio.

Spesso crediamo di aver perso l’equilibrio ed è semplicemente perché abbiamo smesso di chiederci perché. Nel momento in cui perdiamo di vista noi stessi e ci iniziamo a muovere per inerzia, per routine e iniziamo a dare per scontate certe cose..è in quel momento che cadiamo a terra. Mai fare l’errore di dare per scontato il proprio equilibrio. Mai credere di averlo completamente raggiunto. L’equilibrio si vive giorno per giorno ma scompare nel momento stesso in cui crediamo di non dover fare più alcuno sforzo per raggiungerlo. Scompare nel momento in cui smettiamo di guardarci dentro. La presunzione di averlo raggiunto porta al suo stesso annientamento. Certamente si può essere consapevoli del proprio equilibrio ma solo chiedendosi perché. Ci sentiamo in equilibrio? Chiediamoci perché. Ne siamo consapevoli? Chiediamoci perché. Sentiamo di aver perso l’equilibrio? Chiediamoci perché. Parliamoci. Parliamo. Chiediamo perché, a noi stessi e agli altri. Nel momento in cui capiamo perché certe cose accadono, perché certe cose ci accadono, diamo ad ogni evento il valore che merita. Ergo smettiamo di dar valore ad eventi che non ne meritano affatto, iniziando ad apprezzare ciò che merita veramente la nostra attenzione ed ogni nostro perché. Chiediti perché, per tutto.. Certi perché inizieranno a venire da sé ed altri, invece, smetteranno automaticamente di presentarsi. Parlandoti ed interrogandoti ti capirai. E capendoti raggiungerai il tuo equilibrio. Ma sarà l’equilibrio di quel momento della tua vita. Una vita in continuo mutamento e con cui mutano anche le modalità in cui il proprio equilibrio si manifesta.

20 strangers kissing for the first time

Whether it’s true that these people were strangers or not I don’t care. I love this video. At least…why not? Why should not we kiss a stranger? Because he/she could be a murderess? Because he/she might have diseases? Because we don’t know where he/she was born, how old is he/she, if he/she uses drugs, if he/she has a boyfriend/girlfriend, if he/she is a criminal or what? How many times has happened to meet someone and to set an appointment with him/her? And how many times did you go to that appointment and did you kiss that person? Don’t you believe that at the second, third or fourth date that person is still a stranger? You can discover aspects of dear friends after years. Your partner may appear as a completely different person after years of marriage. You can love a person for a lifetime and one day seeing him/her unexpectedly as a stranger. Do not recognize someone anymore because he/she did or said something that you would never expected. Who is a stranger at least? Life is not enough to know ourselves, so how can you believe to know perfectly someone else? Where is the feeling in kissing a stranger you say? And if the feeling was in the kiss itself? And if the feeling was linked to the anonymity and to the fact that we can love someone even for a single moment in a totally disinterested way? An unpretentious kiss without any expectations. Maybe we should kiss always in this way the people we love. So..why not? We could be one big family. Some of you now could reduce my thoughts to a big pornographic orgy. No. But why not an orgy of feelings? Orgies of emotions and sharings. Hugs and kisses. Smiles and caresses.

A kiss,
Martina

2O sconosciuti che si baciano per la prima volta

Che sia vero o no che queste persone siano stati perfetti sconosciuti o meno non mi interessa. Adoro questo video. Alla fine…perché no? Perché non dovremmo baciare uno sconosciuto? Perché potrebbe essere un assassino? Perché potrebbe avere delle malattie? Perché non sappiamo dove è nato, quanti anni ha, se si droga, se ha la fidanzata, se è un ricercato o cosa? Quante volte vi è capitato di conoscere una persona e di fissare subito un appuntamento? E quante volte vi è capitato di andare a quell’appuntamento e di baciare quella persona? Non credete che al secondo, terzo o quarto appuntamento quella persona sia pur sempre uno sconosciuto? Potete scoprire aspetti di cari amici dopo anni. Il vostro partner può rivelarsi tutt’altra persona dopo anni di matrimonio. Potete amare una persona per una vita e un giorno vederla inaspettatamente come uno sconosciuto. Non riconoscerla più perché ha fatto o detto qualcosa che non vi sareste mai aspettati. Chi è uno sconosciuto del resto? Non basta una vita per conoscere se stessi, figuriamoci gli altri. Dov’è il sentimento nel baciare uno sconosciuto dite? E se il sentimento fosse nel bacio stesso? E se il sentimento fosse legato all’anonimato e al fatto di poter amare anche per un solo istante qualcuno in maniera totalmente disinteressata? Un bacio senza aspettative e senza pretese. Forse dovremmo baciare sempre in questo modo le persone che amiamo. Quindi perché no? Potremmo essere un’unica grande famiglia. Qualcuno di voi ora ridurrebbe il mio pensiero ad una grande orgia pornografica. No. Ma un’orgia di sentimenti perché no? Orgie di emozioni e condivisioni. Di abbracci e di baci. Di sorrisi e di carezze.

Un bacio,
Martina

Piacere

Passionale
Intreccio di
Attimi
Concatenati da
Eterni
Riflessi
Erotici

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: