Cerca

Back to the future

Italian & English Articles! Personal reflections on life, relationships and energy that shines inside and outside each of us. Enjoy ♥

Mese

luglio 2014

What is BALANCE?

What is balance?
Is it a stable and static condition or a permanently unstable condition? Maybe a precariously stable one?
What is stability?
Is it a static equilibrium or a dynamically stable equilibrium?
Can stability be dynamic?
Yes, it could not be otherwise.
Staticity does not exist.

Even a statue corrodes over time. Nothing escapes to the dynamics. Not even the balance. Panta rhei. Also, balance is not synonymous with immobility. In my opinion, balance is a serene and peaceful condition. I would see it as a synonym for awareness. It does not matter if we change or if we fail nor if we are sad or if we feel vulnerable…what is important it is to be aware of what happens to us and around us. Our life can be dynamically unstable, as regards events or states of mind, but consciously stable at the same time. Increased awareness brings greater balance, therefore a lesser chaos. And chaos comes from unawareness. Every emotion, every event, every tear, every smile, every mistake, every satisfaction, every action can become a master of life. Thanks to our awereness we become our own master. Are you sad? Ask yourself why. Are you happy? Ask yourself why. Are you dissatisfied? Ask yourself why. Are you negative? Ask yourself why. Don’t you know why? Ask yourself why. Give a reason to everything that happens to you. Do not waste your tears. Drink them, analyze them, praise them. Look into yourself, speak with yourself. Do not complain about your sadness and do not take your happiness for granted. Each inner dialogue is synonymous with growth, awareness and balance.

We often believe that we have lost our balance but it is simply because we have stopped asking to ourselves “why”. When we lose the sight of ourselves and we begin to move by inertia, routinely, and we begin to take certain things for granted.. it is that the exact time when we fall down onto the ground. Do not take your own balance for granted and do not believe that it is completely achieved. Balance has to be lived day by day but it disappears as soon as we think we do not need to make any more effort to get it. Balance disappears when we stop to look inside ourselves. The presumption of having reached it leads to his own annihilation. Of course you can be aware of your balance but just keep wondering why. Do we feel in balance? Let’s ask ourselves why. Are we aware of that? Let’s ask ourselves why. Do we feel to have lost our balance? Let’s ask ourselves why. Let’s talk with ourselves. Let’s talk. Let’s ask why, to ourselves and to others. When you understand why certain things happen, why certain things happen to us, we give to each event the value that it deserves. By doing so we stop wasting energy in events that do not deserve it at all and we start to appreciate what really deserves our attention and all our “whys”. Ask yourself why, throughout .. Some “whys” will start to come by themselves and others, however, will stop automatically to show up. By asking questions and speaking to yourself, you will understand yourself and, by understanding yourself, you will reach your balance. But it will be the balance of that specific time of your life. Life is an eternal changing, so even the way in which your balance is manifested can change.

Annunci

What’s a problem and where does it come from?

What’s a problem and where does it come from?

In order to find an answer to this question, I would start from a very common sentence: “Life is difficult.”

Assuming this statement to be true. I don’t see anything negative in the difficulties, as I don’t see anything negative into a problem. For the theory of opposites according to which nothing has reason to exist without its opposite, solutions wouldn’t exist without problems or simplicity wouldn’t exist without difficulty. In order to appreciate the difficulties in front of which life submit us, together with all the problems that overcrowd it, the first thing we need to understand it’s the true magnitude of any problem and the real cause from which they originate. True understanding of a problem leads to its own resolution, attached with a nice package of teachings that are fundamental to our growth.I emphasize the word “real” beacuse, to the eyes of many, the problem’s entity, as well as its origin, is characterized by a false understanding, i.e. often projected on something or someone outside of ourselves. Not only that, even the solution is identified outside (drugs, medicines, psychologists, etc.). Moreover, it seems almost logical that “external problem = external solution.” Ephemeral solution that takes care of only the symptoms of a problem whose cause is elsewhere. It’s mainly on this aspect that I would like to invite you to think about: every problem has its origin in ourselves and only in ourselves we can find the solution. You could let me note that many problems, together with their related difficulties that life holds for us, often rain down on us without our consent…such as for example a serious illness or a natural disaster (although even in this case I think we should consider ourselves somewhat responsible). But the problem is not what happens, it’s our fault or not, but how we react to what happens to us. We are the drivers of the wagon with which we walk our lives and even though we cannot foresee all the difficulties that life holds for us, we can always find the best way to address them. If we don’t succeed, then the problem arises. It arises from ourselves, and in ourselves we must look for its solution:

why did I create this problem?

This is the question we should always ask ourselves. And the answer has to be found not outside but within us, shedding light on the darkest side of our soul and our spirituality… because many problems lie dormant in the depths of our unconscious and often we live our lives totally ignoring their existence. I have never said say that this introspection is easy. If it had been easy we wouldn’t have ever even created any problem. After all, “Life is difficult.” But when we realize that what we really seek is hidden within us, everything becomes simple and beautiful. Yes, beautiful. How bad could ever be something that can only make us feeling better? Digging deep into ourselves, to reach the place where resides the source of our problems, can only make us feeling better…because it’s in the place where you’ll find the cause that you’ll magically find the solution also.

The real problem is not understanding the problem.

Together with those people who look for solutions outside, there is another variety of people, and that sees the solution to every problem in the removal of the problem itself. Obviously even this it’s an ephemeral and illusory solution. In which sense? This category of people recognizes the problem and in part it also understands it, but it’s not strong enough to deal with it and, therefore, it avoids it. A few examples: there are those who avoid people who hurt them or avoid foods that make them fat, so they don’t get sad or fat…but when they are, not by their own choice, in front of those people that make them sad or foods that make them fat, they inevitably suffer and eat everything without any control. Why is it like that? Because they have simply dismissed the problem, without solving it.

So, look for the source of any problem within yourself, and when you find it don’t get scared but face it! When you decide to face your difficulties, you will begin to appreciate every problem because you will begin to be aware of the fact that all the “problems” that you unknowingly create, have a particular role…the role to let you make many small steps forward in your journey of personal growth.

And it is an infinite path 🙂

 

 

Saggio è colui che sa di non sapere.

“Saggio è colui che sa di non sapere”, cita il nostro caro amico Socrate. Come dargli torto del resto? Saggio infatti è colui il quale, sebbene abbia ampliato enormemente la sua conoscenza, è umilmente consapevole del fatto che ci sono tante cose che egli non sa ancora e che forse mai saprà, in quanto non si finisce mai di imparare davanti alla vita che ci mette alla prova tutti i giorni e che ogni giorno ci riserva un insegnamento diverso, nuovo. Nessuno raggiungerà mai la Verità Suprema (sempre che essa esista).  “‘Il vero sapiente sa di non sapere. La verità non è insegnabile in quanto è un sapere dell’anima quindi va partorita autonomamente e rimessa in discussione. D’aiuto sono l’ironia, l’uso critico della ragione e il DIALOGO. Infatti è possibile la ricerca comune di una verità sempre provvisoria all’alterarsi dei presupposti. L’unica verità definitiva è un valore morale: il rispetto dell’interlocutore. Se non puoi amare il tuo prossimo, almeno rispettalo”.  

E qui ne approfitto per citare me stessa dal mio articolo Monologo: “Non dire agli altri cosa è giusto per loro. Condividi la tua conoscenza. Dona il tuo amore. E aiuta gli altri a trovare la loro strada. La strada che permette ad ognuno di noi di capire chi siamo e cosa vogliamo. Cosa vogliamo essere. Essere. Esistere e condividerci. Non tenere il tuo sapere per te. Condividilo. Ma non elevarti mai al di sopra di qualcun altro. Mettiti in contatto con gli altri, apri loro la porta che permette di accedere al tuo sapere e falli entrare ed uscire quando vogliono. Starà a loro coglierne il valore quando saranno pronti a farlo, non sta a te deciderlo o pretenderlo. Tu non puoi sapere quand’è il momento giusto per qualcun’altro. Non giudicarli. Aiutali. E aiutati. Accogli il sapere che ti viene donato. Non vederlo come un’imposizione.” 

Siamo tutti diversi e diversamente perseguiamo i nostri ideali di saggezza e di verità. Difatti la dottrina socratica del dialogos vuol mostrare la RELATIVITÀ del sapere, ossia l’idea del sapere mai definitivo: ecco perché Socrate è il più sapiente degli uomini, poiché egli sa che l’uomo è “ignorante”, mentre i più, i saccenti, credono di sapere (ma non sanno). Alcuni di noi però sono più perspicaci e più sensibili di altri alla realtà circostante e per questo maturano una coscienza “illuminata”, la quale mostra loro in modo chiaro molti di quegli aspetti che sfuggono ai più. Molti di loro però, nel momento in cui vengono “illuminati” dalla “Verità”, perdono, paradossalmente, il lume della ragione. Credono di aver finalmente messo piede nella Giusta Strada, quella che, a parer loro, TUTTI dovrebbero perseguire. Sì perché, ai loro occhi, qualsiasi altra strada, diversa da quella sulla quale loro camminano, è una mera illusione. Dico io…non è poi vero che ognuno di noi ha bisogno delle proprie illusioni per vivere? La vita stessa è la più grande delle illusioni. Ognuno deve avere il diritto di illudersi, di sognare, di sbagliare, di cadere, di rimproverarsi, di capire.. E invece molti di questi “illuminati” cosa fanno? Non condividono la loro “scoperta”, ma la impongono. Credono di condividerla, ma è proprio questa l’illusione, poiché a loro non importa se tu sei un’altra persona, con un’altra vita e con un’altra storia. Loro sono coloro i quali, avendo ormai raggiunto il Sapere, ti guardano dall’alto della loro sapienza e ti puntano il dito contro: “Voi, ignavi nell’incolore mischia umana, svegliatevi, noi possiamo guarirvi”, questo è quello che le loro parole e i loro atteggiamenti sottoscrivono. E non capiscono che, anche ammettendo che quello che cercano di insegnare sia giusto e benefico, non tutti sono pronti ad abbracciare certi tipi di conoscenza. Non tutti ne hanno voglia e non tutti sono in grado di comprenderne l’importanza e la magia. Questo non vuol dire che non lo saranno mai. E neanche che lo saranno di certo prima o poi. Ma non sta a nessuno deciderlo se non all’interessato stesso.

Caratteristica del saggio è la modestia, in quanto egli non impone la sua verità, ma aiuta l’altro a trovare la PROPRIA VIA verso la PROPRIA VERITÀ, attraverso la cosiddetta maieutica socratica. “Essa consiste nel portare GRADUALMENTE alla luce l’infondatezza delle convinzioni che siamo abituati a considerare come scontate e che invece ad un attento esame rivelano la loro natura di opinioni. Tale metodo è detto “maieutico” (ostetrico) perché conduce per mano l’interlocutore con brevi domande e risposte per indurre l’interlocutore ad accorgersi della propria ignoranza e a riconoscere il criterio della verità rispetto alla falsità delle sue presunzioni”. Ho sottolineato la parola “gradualmente” proprio per evidenziare il fatto che nel condividere la propria saggezza con qualcun’altro bisogna agire in maniera graduale e rispettando le condizioni fisiche, mentali e spirituali in cui il proprio interlocutore si trova. Interlocutore che deve accorgersi da solo della propria ignoranza. Non gli si può spiattellare in faccia la Verità del Mondo e pretendere che subito ne apprezzi la portata, ne capisca i meccanismi e che, soprattutto, la metta subito in pratica. Non è mica semplice trovare la propria strada e perseguire i propri ideali di saggezza! Per questo ognuno di noi ha bisogno di essere aiutato in questo percorso e ognuno di noi dovrebbe a sua volta aiutare chiunque si incontri sul proprio cammino.

La saggezza, nel momento stesso in cui si autodetermina, muore. 

La vera saggezza inoltre segue un’etica della libertà. Libertà di comprensione. Libertà di condivisione. Libertà di sperimentazione. Libertà di accettazione. Libertà di rifiuto. Libertà! Libertà! Libertà! E il voler essere liberi di non accettare o accogliere una “verità” imposta non è sinonimo di stupidità o ignoranza. È una scelta che spetta di diritto. Saggio è colui che sa di non sapere ed ognuno è libero di non sapere o di scegliere quando sapere. Perché l’adesso per qualcuno può essere il poi per qualcun altro o il mai per qualcun altro ancora.

Una bella fetta degli “illuminati” odierni sono, per di più, ferrei critici della materialità. Avendo essi raggiunto l’estasi spirituale e avendo riscoperto l’Io Supremo, quello che ti conduce alla Comprensione Ultraterrena, criticano ogni vizio ed ogni piacere materiale e carnale, considerandoli distrazioni devianti dal perseguimento della vera Verità. Ma ci terrei a ricordare a questi “illuminati”che l’uomo è fatto di CORPO, MENTE E SPIRITO, e concentrarsi esclusivamente su uno di questi tre aspetti o trascurarne anche solo uno di essi, è sbagliato in quanto incompleto! Noi siamo tutte e tre le cose insieme e tutte e tre le cose insieme devono lavorare in equilibrio affinché noi possiamo camminare in maniera sana e consapevole nel nostro percorso di vita e nel perseguimento dei nostri ideali.

Ci tengo inoltre a sottolineare che il prendere con leggerezza la vita non equivale a prenderla con superficialità. Anche sapersi godere la vita è sinonimo di saggezza. Lo stress e la frustrazione sono fra le cause maggiori di malattie del corpo, della mente e dello spirito. Sono esse stesse malattie. Quindi cari “illuminati”, voler bene a se stessi non è reato! Voi che valorizzate solo la vostra spiritualità, non vi volete tanto bene, al contrario di quanto crediate. Il piacere non è un peccato. E non vi sono piaceri giusti o piaceri sbagliati, ma piaceri adatti ad ognuno di noi. Così come verità adatte ad ognuno di noi. E come suggerisce il nostro vecchio amico Socrate, il saggio è colui che possiede il piacere, ma che non è posseduto da esso. Libertà quindi di perseguire il piacere essendo liberi dal piacere stesso, perché un piacere che crea dipendenza crea sofferenza. Evitare un determinato piacere semplicemente perché non si è in grado di gestirlo, è da codardi…non da saggi! In medio stat virtus (la virtù sta nel mezzo)!

Per concludere vorrei precisare che non è mai troppo tardi per diventare saggi! Per alcuni l'”illuminazione” arriva subito, per altri più tardi..ma non importa, perché, ripeto, non è mai troppo tardi! Cari “illuminati”, non siete migliori di nessuno. Non vi rende superiori l’aver fatto conoscenza di certe verità prima di altri o l’aver sperimentato in anticipo particolari aspetti della vita. E non dovete assumere le vesti dei buon samaritani che scendono dall’alto del Saggio Colle per salvare i disperati, perché quelli che voi giudicate “disperati”, sono esseri umani come voi, ma con i loro traguardi di vita. Non offendetevi se non coincidono con i vostri.

La saggezza non si misura! Si apprende e si condivide. Non si impone. Essa non conosce aspettative o presunzione.

E ricordate, è l’umiltà che fa volare la nostra spiritualità più in alto di qualsiasi altra cosa.

 

Final

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: