Cerca

Back to the future

Italian & English Articles! Personal reflections on life, relationships and energy that shines inside and outside each of us. Enjoy ♥

Mese

agosto 2014

COM’È NATA L’AMICIZIA. MATCH D’AUTORE: VOTAZIONI SU FB ENTRO IL 24.

MATCH D’AUTORE 2014, MONTESILVANO SCRIVE.

Ebbene si, ho deciso di partecipare a questa competizione letteraria ancora una volta e anche da oltreoceano 😀 Vi invito a VOTARE la mia storia APRENDO IL LINK e mettendo un MI PIACE (Y) entro il 24 AGOSTO. Spero troviate la lettura interessante e invitiate anche i vostri amici a votarmi 🙂

https://www.facebook.com/notes/festival-letterario-montesilvano-scrive/match-dautore-2014-storia-n101-come-e-nata-lamicizia/713112015403771

COME E’ NATA L’AMICIZIA di Martina Paglione

L’amicizia nacque nel MilleOttocentoVentordici. Prima di allora un’aria di solitudine e monotonia aleggiava per le vie del borgo, attraversava le campagne e riecheggiava nei calici di birra ammucchiati sul bancone del bar. Le persone non comunicavano fra di loro ed evitavano di incrociare gli sguardi altrui lungo la strada. Nessuno sorrideva e ci si disperava per l’impossibilità di comunicare con l’amico della porta accanto. Tutto ciò finché non fu inventata la “CORNETTA”, che nacque quando Y ebbe l’idea di legare un microfono e un ricevitore ad un bastoncino in modo da poter avere una mano libera, per masturbarsi, e l’altra finalmente per comunicare. Fu così che tutti coloro che vagavano tristi per i prati o che tristi svuotavano calici di birra al bar del paese, iniziarono ad essere felici. Sì, non vi era nulla di più felice e gratificante che amoreggiare con una cornetta. Finalmente un dispositivo che ti permetteva di chiamare il tuo migliore amico per dirgli che gli volevi bene. Il funzionamento della cornetta era però vincolato alla presenza di microchip installati appositamente sulla lingua per permettere la trasmissione vocale. Senza di quelli non avremmo mai potuto comunicare. Ecco perché l’amicizia nacque solo quando furono annessi all’incompleta natura umana dispositivi ausiliari per un miglioramento delle condizioni di vita. Finalmente niente più tristezza, ma solo felicissimi e sorridenti amici attaccati alle proprie cornette di fiducia. Una felicità incontinente tant’è che ebbe il suo apice quando X annunciò alle nuove vittime dell’amicizia la News delle News: “Finalmente non avremo più bisogno dell’udito, della voce o delle nostre cornette”. Ebbene sì, nel Mille&unaNotte fu inventato il “MONITOR”. Fantasmagorico dispositivo con in allegato una stratosferica invenzione che consisteva in uno scorrevolissimo e vicendevole alternarsi di amichevoli scambi di amicizia, un botta e risposta che il Super TecnAmicologo inglese chiamò “CHAT”. Anche questo nuovo dispositivo era però incompleto, in quanto all’uomo mancava ancora la Cosa delle Cose: la VISTA! Cosa può essere un’amicizia senza la vista? Essa nacque nella seconda metà del MillePiedi quando il tecnologo Smile elaborò microscopici dispositivi elettromagnetici da applicare sul nervo ottico che avrebbero permesso il riscontro visivo delle immagini trasmesse dai monitor. La felicità dilagante per aver acquisito questo senso vitale portò a un sentimento di amicizia dirompente e ad un amore spassionato verso il proprio monitor di fiducia. Mancava solo un piccolissimo dettaglio al coronamento dell’amicizia perfetta. I primi monitor  riproducevano solo immagini in bianco e nero. Fiumi di amicizia bicolore dovettero scorrere sotto i ponti prima che K inventò arcobaleni tecnologici in grado di filtrare colori televisivi, i quali resero finalmente l’amicizia completa e le persone in grado di riconoscere il colore degli occhi di un amico.

Non mi resta che augurarvi una buon’amicizia a tutti.

Facebook

Annunci

FACEBOOK SERIOUSLY AFFECTS YOUR HEALTH

Premise: The content of this article, like all the others, is RELATIVE. I would urge all of you to not feel pulled in due for any reason in particular. But it’s welcome, as always, who wants to discuss different points of view, arguments and other considerations regarding the article. Have a good reading (:

I felt that this moment would come and I’m sure that many others before me, have dealt with the same subject, and perhaps even in the same terms…but I feel I must give voice to my thoughts about it.

It’s finally my moment to talk about FACEBOOK.

I think all of us know quite well how this social network works and I won’t certainly be here to rehash on its modes of operation. I will however point out, in particular, the effects that these modes create. Effects found by me on myself but that, in my opinion, often involve many of the users of Facebook. The points to be addressed are many and I honestly don’t know where to start (I won’t even treat all of them), but I think it’s right to start from the feeling that led me to write this article:

SADNESS.

I have been realizing for years, but few days ago more than ever, how Facebook has got the power to produce negative effects on me, on my psyche and on my personality. Among the other things, however, the one that made ​​me saddest was my pathetic counting the number of “Likes” that I could collect for each status, photo, link…or whatever! And, above all, from time to time, I was paying attention to WHO had clicked that damn button (Y)! COUNTING THE “LIKES” ????? Then I said to myself: how have you reduced yourself, Martina? Realizing that a “Like” could have so much value to me, it made me sooooo SAD!

And not only that.

I often found myself devoting so much time flipping through photo albums of COMPLETE STRANGERS or people of whom I DIDN”T CARE AT ALL, analyzing the virtual life of people with whom I wouldn’t even have said “hello”, or people to whom I would have said “hello” (a real one) but of whose lives (especially the virtual ones) didn’t interested me at all. And all this for what? Maybe just to see how those people, on Facebook, were dressed, if they were happy or sad, or to see how much they were ridiculous… Until I realized that I was the most RIDICULOUS one, doing what I was doing!!!

I was losing then, inexplicably, the conception of time and hours passed by simply counting “Likes”, flipping randomly through photos of random people, with no particular motivations, or commenting on links and status for which I haven’t really had interest and then, maybe, finding myself bogged in virtual and futile conversations, debates and quarrels to which, in real life, I would have NEVER taken part or, in real life, I would have tackled in a COMPLETELY DIFFERENT way. And here I take this opportunity to emphasize my bad relationship with debates on FB: during debates face to face, the person in front of you cannot escape, drink a coffee or go to the toilet before to answer you, he/she cannot search for clever answers on Google to reply to you, he/she cannot wait for you to lose your patience before giving you an answer, nor he/she can avoid to do that (even if he/she did, you would read, however, a response through his/her attitude). I love watching my interlocutor’s reactions and paying attention to his/her looks, uncertainties, firmness, rhetorical skills, his/her insight, stability, instability, coldness, warmth, wisdom, his/her superficiality, restlessness, calm…and so on! I love don’t miss anything of my interlocutor! Instead, I found myself there on Facebook commenting random links and status and often waiting entire days for an answer, whose waiting was ruining me inside…and in the while, I was thinking of the thousands likely reactions, of my virtual interlocutor, to my opinions.

And not only that.

In the case of public debates, i.e. through public comments, it was strong even the thought about what people (ANYONE) could think about my comments (how many “Likes” will earn my snappy sentence??? Will I look pretty smart to the eyes of intelligent people???)…people who had nothing to do with the conversation, but that could take part of it in ANY WAY & ANYTIME, with or against me. That meant only one thing: ANXIETY! This has engendered in me just a lot of fucking anxiety, apprehension, worry, restless curiosity, impatience and so on…with attached OBSESSIVE CONTROL, minute by minute, of any updates!!

Another fundamental point, which made my FB (& real) life infinitely sad, was the fact of “suffering” because of the publication of happy posts by strangers or people that I didn’t really like. A sort of envy mixed with latent selfishness & with annexes thoughts of ill omen. Why is that ????? I was doing that even if…I was happily (or perhaps only apparently?) satisfied with myself and my life. Unfortunately this is one of the most evil psychology of Facebook: whether you like it or not, the protagonist of a happy photo or a positive status of which you are witness, will always seem happier than you, in that moment, when you looked at it. Maybe that person is the saddest person in the world (and maybe you know it), maybe that picture is at the only party to which that person has been in the last 6 months (and maybe you know it), or maybe the same person has staged that fake smile with 42 teeth to deceive the people of Facebook, and maybe even his/herself, of his/her happiness (and maybe you know even this)…but it doesn’t matter because, in a corner of your subconscious, you’ll always think: “Look how he/she’s having fun, lucky him/her!” or related & similar thoughts…BECAUSE, IF IN THAT PARTICULAR MOMENT, YOU’RE THERE CHECKING WHAT PEOPLE DO ON FACEBOOK, IT MEANS THAT “YOU’RE NOT REALLY HAVING FUN”! If you were truly happy with yourself, doing things you love to do, alone or with people you really love, YOU WOULD IGNORE FACEBOOK! When your real life is full of joy and of joyful people, the thought of seeing on FB what people do, it doesn’t even tickle you.

Your incomplete life leads you to seek refuge in Facebook…but Facebook, in turn, makes your life incomplete..because it keeps you bound to a virtuality that won’t ever allow you to reach your completeness!

It’s like a fucking dog that he is trying to bite its tail! It was indeed tested that Facebook makes people SAD because the emotions of its users are often influenced by what they read…and the most positive post makes readers negatives.

My feeling of sadness was even deeper because of my uncontrollable need to share my goals & personal (dis)satisfactions with FB world: PEOPLE, I DID IT! PEOPLE, I UNDERSTOOD ALL ABOUT LIFE! PEOPLE, I’M DIFFERENT AND I’M PROUD OF IT! PEOPLE, I’VE GOT A JOB! PEOPLE, I’LL NEVER GET MARRIED or PEOPLE I’M SAD & MISUNDERSTOOD! PEOPLE, I SUFFER AND I’M SICK OF EVERYTHING AND EVERYONE! PEOPLE, MY COUNTRY SUCKS!
PEOPLE, I’M NOT SATISFIED ABOUT MY LIFE AND I WRITE SAD STATUS LOOKING FOR AN HELP FROM ALL OF YOU, EVEN IF I DON’T KNOW YOU, EVEN IF I DON’T CARE ABOUT YOU AND YOU, EVEN LESS, ABOUT ME! And so on.. I couldn’t keep my happiness to me, or at least, to share it, in a friendly and private way, just with the dearest people..I COULD NOT! I absolutely wanted to see HOW MANY “LIKES” MY HAPPINESS COULD COLLECT!

I had, as I usually do, many programs in mind for my days: reading books, writing or translating articles, doing researches, playing, drawing, running…but 70% of my projects almost always failed for LOOKING AT FACEBOOK FOR HOURS WITHOUT ANY REASON! Moreover, in addition to my mental health, I was damaging also my physical posture, my sight etc..

The thought of deleting my FB account has appeared several times in my head, and I’ve also tried to do it in the past…but with very little results. Because, whether I want it or not, this social network is useful to me for various reasons (blog, friends abroad, news, job, etc.). I’ve had for long time the idea of creating a profile where I say a little or nothing about myself (that’s what the real life is for!) and, instead, to use for practical, useful and immediate purposes (that’s what the virtual life is for!)…that’s why I created a profile to be used only and exclusively for my blog, a profile that, however, always keeps alive the possibility to keep in touch with close friends, relatives and so on.

And here I take this opportunity to talk about another FB aspect that I would like to share with you, and that is the COLLECTION OF FRIENDS, like figurines of an album of players (thankfully with no duplications). I just say…if in the real life we don’t speak or we speak reluctantly, why should you be in my virtual life?? I state that I don’t deny anyone the opportunity to know me virtually (although even this new approach of meeting makes me very sad), but if after several attempts, it doesn’t arise any kind of connection between you and me, why should you be offended to not belong anymore to my list of virtual friends?

I take this opportunity also to unveil the second reason that led me write this article.

It was also written for all those who, in one way or another, felt or will feel offended by me to have removed them from Facebook. And to all of them I say: “The fact that I have deleted you from Facebook doesn’t assume that I hate you or that I don’t esteem you or that I want to tease you! I just don’t find necessary my VIRTUAL relationship with you, but it doesn’t mean that any real relationship is excluded (as well as, I repeat, it doesn’t mean that you cannot contact me anyway). The fact that you are not among my FB friends doesn’t presuppose that I wouldn’t say hello to you if I met you on the street or that I wouldn’t willingly exchange a few words with you if I met you in the pub while I drink a beer. On the contrary!!! (If I was you, I would be offended if someone added you on FB and then he/she wouldn’t say even hello to you when you meet her/him on the street – which happens in 70% of cases, because VIRTUALITY IS EASY). Damn, don’t you think that we can be friends in real life without being friends on Facebook ?? (Damn…. people have survived without FB before!!). Also, if you, like me, do not find a real interest to relate with me, for which reason you should feel offended?!?!?! On the contrary, you should thank me for having had the sincere courage to have cut a sterile relationship like ours! If you feel offended by the fact that I have deleted you from my FB friends, despite your estimate/interest/level of friendship towards me is equal to 0.3 %, then I assume it’s just because this hurts your frivolous pride, or because you worry about the fact that what happened will make less populated your home/wall..or, perhaps, because you risk to lose a position among WHO HAS GOT MORE FRIENDS.. Mmm no, maybe it’s simply because you cannot longer know my “private” life/business or, even worse, because you cannot show me how much you are HAPPY & SATISFIED ABOUT YOUR LIFE! In that case, I’m sorry to tell you that I DON’T GIVE A DAMN! ”

Honestly, I respect me too much to see myself as a victim of these stupid psychological games that the little evil man behind FB plans, second by second, to make all of us miserable and drugged virtual automatons, like puppets in the hands of a sad “virtual reality”. Don’t tell me that you have never felt, at least once, to be victims of all of this crap, or that you don’t think that all of this (you feel part of it or not) is terribly SAD!?!?!

FACEBOOK SERIOUSLY AFFECTS YOUR HEALTH!

images_dipendenza_da_facebookscrivania2

Don’t get addicted!

FACEBOOK NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

Premessa: il contenuto di questo articolo, come del resto di tutti gli altri, è RELATIVO. Invito quindi tutti voi a non sentirvi tirati in causa in alcun modo e per alcuna ragione in particolare. Sono però, come sempre, ben accetti diversi punti di vista, argomentazioni e ulteriori considerazioni a riguardo. Buona lettura (:

Sentivo che questo momento sarebbe arrivato e sono certa del fatto che molti altri, prima di me, abbiano affrontato lo stesso argomento, e forse anche negli stessi termini…ma sento di dover dare voce ai miei pensieri a riguardo.

È finalmente arrivato anche il mio momento di parlare di FACEBOOK.

Credo che tutti noi, ormai, sappiamo abbastanza bene come questo Social Network funzioni e non starò di certo qui a rivangare sulle sue modalità di funzionamento. Farò però luce, in particolar modo, sugli effetti che queste modalità creano. Effetti riscontrati da parte della sottoscritta sulla sottoscritta ma che, a mio parere, coinvolgono spesso e volentieri molti degli utenti di Facebook. I punti da trattare sono tanti e sinceramente non so da quale cominciare (non li tratterò neanche tutti), ma credo sia giusto partire dal sentimento che mi ha condotto a scrivere questo articolo:

TRISTEZZA.

Già da tempo, ma pochi giorni fa più che mai, ho realizzato di quanto Facebook abbia il potere di produrre effetti negativi su di me, sulla mia psiche e sulla mia personalità. Fra le varie cose però, quella che mi ha reso più triste di tutte, è stato il mio patetico ridurmi a contare il numero di Mi Piace che riuscivo a collezionare per ogni stato, foto, link…o quant’altro! E, soprattutto, il prestare di volta in volta attenzione a CHI avesse cliccato quel maledettissimo tasto! CONTARE I MI PIACE????? Al che mi son detta: a cosa ti sei ridotta Martina? Realizzare che un Mi Piace potesse aver così tanto valore per me, mi ha reso tremendamente TRISTE!

E non solo.

Spesso mi ritrovavo a dedicare gran parte del mio tempo a sfogliare album fotografici di PERSONE TOTALMENTE SCONOSCIUTE o di persone di cui non mi importava NULLA, analizzando la vita virtuale di gente con cui non avrei scambiato neanche un ciao, o persone con cui avrei scambiato anche volentieri un ciao (reale) ma delle cui vite (soprattutto virtuali) poco e niente mi interessava.. e tutto questo perché? Magari solo per vedere come erano vestite, se fossero felici o tristi, o quanto fossero ridicole… Finché non mi sono resa conto che io ero quella più RIDICOLA di tutti, a fare quel che facevo!!!

Perdevo quindi inspiegabilmente la concezione del tempo e le ore passavano semplicemente contando Mi Piace, sfogliando foto random di gente random, senza alcuna particolare motivazione, o commentando stati e link per i quali non avevo realmente interesse e per poi, magari, ritrovarmi impelagata in futili conversazioni, dibattiti e litigi virtuali ai quali, nella vita reale, non avrei MAI preso parte o che, nella vita reale, avrei affrontato in maniera COMPLETAMENTE DIVERSA. E qui ne approfitto per sottolineare il mio ostico rapporto con i dibattiti Feisbukkiani: nei dibatti a quattrocchi la persona che hai di fronte non può sfuggirti, non può bersi un caffè o andare a fare la cacca prima di risponderti, non può cercare su Google cose intelligenti da controbatterti, non può aspettare che tu perda la pazienza prima di darti la sua risposta, né può evitare di farlo (se anche lo facesse, leggeresti comunque una risposta nel suo atteggiamento). Amo assistere alle reazioni del mio interlocutore e prestare attenzione ai suoi sguardi, alle sue incertezze, alla sua fermezza, alla sua abilità retorica, alla sua perspicacia, alla sua stabilità, alla sua instabilità, alla sua freddezza, al suo calore, alla sua saggezza, alla sua superficialità, alla sua agitazione, alla sua tranquillità…e così via! Amo non farmi sfuggir nulla del mio interlocutore! E invece mi ritrovavo lì su Facebook a commentare stati e link casuali e spesso aspettando giornate intere per una risposta, la cui attesa mi logorava dentro…e nel mentre pensavo alle millemila probabili reazioni, del mio interlocutore virtuale, alle mie opinioni.

E non solo.

Nel caso di dibattiti pubblici, cioè attraverso commenti pubblici, forte era anche il pensiero di cosa avrebbe potuto pensare la gente (CHIUNQUE) riguardo quel mio commento (quanti mi piace guadagnerò per la mia frase d’effetto??? sembrerò abbastanza intelligente agli occhi degli intelligenti???)…gente che non c’entrava nulla con la conversazione, ma che avrebbe potuto farne parte in QUALSIASI MOMENTO & in QUALSIASI MODO, a favore o contro di me. Questo voleva dire una cosa sola: ANSIA! Questo generava in me solo tantissima fottutissima ansia, apprensione, preoccupazione, agitata curiosità, impazienza e quant’altro…con annesso CONTROLLO OSSESSIVO, minuto per minuto, degli eventuali aggiornamenti!!

Un altro punto fondamentale, che rendeva la mia vita Feisbukkiana infinitamente triste, era il fatto di “soffrire” per via della pubblicazione di post felici da parte di persone di cui avessi poca stima o conoscenza. Una sorta di invidia mista ad egoismo latente, con annessi pensieri di malaugurio. PERCHÈ?????? Eppure ero felicemente (o forse solo apparentemente?) soddisfatta di me stessa e della mia vita. Purtroppo questa è una delle psicologie di Facebook più malvagie: che tu lo voglia o no, il protagonista di una foto felice o di uno stato positivo del quale sei testimone, sembrerà sempre più felice di te in quell’esatto istante in cui Facebook te ne rende partecipe! Magari quella persona è la più triste del mondo (e magari tu lo sai), magari quella foto è dell’unica festa a cui quella persona è stata negli ultimi 6 mesi (e magari tu lo sai) oppure, quella stessa persona, ha messo in scena quel finto sorriso a 42 denti per illudere il popolo di Facebook, e magari anche se stessa, della sua felicità (e magari tu sai anche questo)…ma non importa poiché, in un angolino del tuo subconscio, penserai sempre: “Guarda quello come si diverte, beato lui!” o connessi & simili pensieri di vario genere… PERCHÈ, SE IN QUELLO SPECIFICO ISTANTE, TU SEI LÌ A CONTROLLARE QUELLO CHE FA LA GENTE SU FACEBOOK, VUOL DIRE CHE NON TI STAI “DIVERTENDO” DAVVERO! Se sei realmente felice e sereno con te stesso, nel fare le cose che ami fare, da solo o con le persone a cui vuoi bene davvero, FACEBOOK LO IGNORI! Quando la tua vita reale è piena di gioia e di persone gioiose, non ti solletica neanche il pensiero di vedere su FB cosa Tizio ha fatto il giorno prima, se ha baciato Caio o se è ancora felicemente fidanzato con Sempronio (dai che magari si sono lasciati, che bello!).

La tua vita incompleta ti porta a cercare rifugio in Facebook…ma Facebook, a sua volta, rende la tua vita incompleta..perché ti tiene vincolato ad una virtualità che non ti permetterà mai di raggiungere la tua completezza!

È come un fottutissimo cane che si morde la coda! E’ stato del resto testato che Facebook rende le persone TRISTI perché le emozioni dei suoi utenti sono spesso influenzate da quello che essi leggono… e la maggior parte dei post positivi rende i lettori negativi.

Il mio sentimento di tristezza era per altro alimentato dalla mia irrefrenabile necessità di condividere ogni mio traguardo o (in)soddisfazione personale con il mondo Feisbukkiano: GENTE, CE L’HO FATTA! GENTE, HO CAPITO TUTTO DELLA VITA! GENTE, SONO DIVERSA E ME NE VANTO! GENTE, HO TROVATO LAVORO! GENTE, NON MI SPOSERÒ MAI oppure GENTE, SONO TRISTE E INCOMPRESA! GENTE, SOFFRO E SONO STUFA DI TUTTO E DI TUTTI! GENTE, IL PAESE IN CUI VIVO MI FA SCHIFO!
GENTE, SONO INSODDISFATTA DELLA MIA VITA E SCRIVO STATI TRISTI E VITTIMISTICI PER CERCARE AIUTO IN TUTTI VOI ANCHE SE NON VI CONOSCO, ANCHE SE NON MI IMPORTI NULLA DI VOI E, A VOI, ANCOR MENO DI ME!
E così via…
Non riuscivo a conservare per me la mia felicità o per lo meno, a condividerla in maniera amichevole e privata, solo con le persone a me più care.. NON CI RIUSCIVO! Volevo assolutamente vedere QUANTI MI PIACE COLLEZIONASSE LA MIA FELICITÀ!

Avevo, come mio solito, molti programmi in mente per le mie giornate: leggere libri, scrivere o tradurre articoli, fare ricerche, suonare, disegnare, correre….ma il 70% dei miei progetti andava quasi sempre a puttane per GUARDARE FACEBOOK PER ORE SENZA ALCUN MOTIVO! Inoltre, in aggiunta alla mia salute mentale, danneggiavo anche quella fisica: postura, vista ecc.

Il pensiero di eliminare il mio account è apparso svariate volte nella mia testolina e ci ho anche provato in passato..ma con scarsissimi risultati. Perché, che io lo voglia o no, questo Social Network mi è utile per svariate motivazioni (blog, amici all’estero, news, offerte di lavoro ecc). Avevo da tempo in mente l’idea di creare un profilo dove parlassi poco e niente di me (per quello c’è la vita reale!) e da usare invece per scopi pratici, utili e immediati (per questo c’è la vita virtuale!) …ecco perché ho creato un profilo da usare solo ed esclusivamente per il mio Blog, un profilo che però mantiene sempre viva la possibilità di tenersi in contatto con amici stretti, parenti ecc.

E qui ne approfitto per trattare un altro aspetto Feisbukkiano che mi preme condividere con voi, e cioè quello della COLLEZIONE DI AMICI, tipo figurine di un album di calciatori (per fortuna senza doppioni). Dico io…ma se nella vita reale non ci parliamo o parliamo controvoglia, per quale motivo dovrei aver interesse nell’averti nella mia vita virtuale?? Premetto che non nego a nessuno l’occasione di conoscermi virtualmente (sebbene anche questo nuovo approccio di conoscenza mi renda alquanto triste) ma, se dopo svariati tentativi, non nasce alcun tipo di connessione fra me e te, perché mai dovrebbe offenderti il tuo non appartenere più alla mia lista di amici virtuali?

Colgo qui l’occasione per svelare la seconda ragione che mi ha portato a scrivere questo articolo.

Esso nasce anche per tutti coloro che, in un modo o nell’altro, si sono o si sentiranno offesi dalla sottoscritta per averli eliminati da Facebook. E a tutti loro rispondo: “Il fatto che vi abbia eliminati da Facebook non presuppone che io vi odii o che non vi stimi o che voglia farvi un dispetto! Semplicemente non trovo necessario il mio rapporto VIRTUALE con voi, ma questo non esclude affatto un eventuale rapporto reale (così come, ripeto, non esclude che voi possiate comunque contattarmi!). Il fatto che non vi abbia fra i miei amici di Facebook non presuppone che non vi saluti qualora vi incontrassi per strada o che non scambi volentieri due parole con voi se vi beccassi al Pub mentre mi bevo una birra. ANZI!!! (Al posto vostro mi offenderei se vi aggiungessi su FB e poi non vi salutassi quando vi incontro per strada – cosa che succede nel 70% dei casi, perché LA VIRTUALITÀ  È FACILE!). Eccheccavolo, ma non pensiate che si possa essere amici nella realtà senza esserlo su Facebook?? (eccheccavolo…a quanto pare prima si sopravviveva anche senza!!!). Inoltre, se anche voi, come me, non trovate un reale interesse nel relazionarvi con la sottoscritta, per quale inesistente motivo dovreste sentirvi offesi? Anzi, dovreste ringraziarmi per aver avuto il sincero coraggio di tagliare un rapporto sterile come il nostro! Se vi offende il fatto che io vi abbia eliminati dagli amici di Facebook, nonostante la vostra stima/interesse/livello di amicizia nei miei confronti sia pari a 0,5 decimi, allora deduco sia solo perché questo ferisce il vostro frivolo orgoglio, o perché vi preoccupi il fatto di rendere meno popolata la vostra home/bacheca..o forse perché rischio di farvi perdere una posizione nella CLASSIFICA “CHI HA PIÚ AMICI VINCE” .. Ma che dico, magari è semplicemente perché non potrete più farvi i fatti miei o, peggio ancora, non potrete più mostrarmi quanto siate FINTAMENTE FELICI & SODDISFATTI DELLA VOSTRA VITA! In tal caso mi dispiace dirvi che NON ME NE IMPORTA UN FICO SECCO!”

Onestamente, ho troppa stima di me stessa per vedermi vittima di questi stupidi giochetti psicologici che l’omino di Facebook pianifica, secondo dopo secondo, per renderci tutti drogati virtuali e infelici automi, come marionette nelle mani di una triste realtà virtuale”. Non venitemi a dire che non vi è successo, almeno una volta, di sentirvi vittime di tutto ciò, o che tutto questo (che ve ne sentiate parte o no) non sia terribilmente TRISTE..

FACEBOOK NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE DI TE E DI CHI TI STA INTORNO!  

scrivania2images_dipendenza_da_facebook

Disintossichiamoci.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: