Cerca

Back to the future

Italian & English Articles! Personal reflections on life, relationships and energy that shines inside and outside each of us. Enjoy ♥

Mese

gennaio 2015

Nothing and no one can complete us, but only enrich us.

None of us is a perfect human being, but we are perfect in our completeness.

In which sense?

In the sense that everyone has got the necessary tools to achieve his/her completeness.

Then… why do we always feel somehow incomplete? Why do we rush so much searching things and people that can complete us? What do we really miss?

Actually we don’t miss anything, but the problem lies in the fact that we always feel that we miss something.

For example, if our stomach gives us a nod of emptiness, we run immediately in search of food and then we eat and keep eating as if there wasn’t any tomorrow. We don’t even give too much importance to what we are eating, because what matters is that we fill our sense of emptiness! Sometimes we are not even hungry, but it’s just our feeling of incompleteness that let us feel hungry and let us believe that we can fix that gap with food ….YUM, YUM, YUM!

Also, when we feel alone and incomplete, we always run to do shopping, but we don’t understand that it is only our wardrobe that gets filled while our soul empties more and more …BUY, BUY! It’s nice occasionally to buy something as a gift for ourselves…but what usually happens is that we sell our soul to those objects by transforming ourselves into objects as well.

The same thing often happens with our heart. If it gives us the slightest feeling of suffering or loneliness, here we are running immediately in search of affection, love, friends, lovers…and if it doesn’t work, we dive into alcohol, drugs…..SPLASH! Is it really our heart to speak to us, to lie to us?

If we perceive a light feeling of deep silence, we rush to call a friend on the phone, to switch on the TV or listening to music. We always need to communicate or listen to someone or something to talk with, to be listened by….BLA, BLA, BLA!

Do we really need to fill us in this way or rush so desperately in search of something or someone to fulfill us as soon as possible? And, most important, do we really feel satisfied after? Did we really solved this lack? We probably believe we did it for the first few seconds, minutes or days…but then what?

Then we find ourselves panting again and looking for something else…and so on forever. We suffer, we run, we try, we find, we rejoice, we lose, we cry….we suffer again, run again, try again..and so on.

The problem is that as long as we continue to look outside for the solution to this feeling of lack, we will end only to find ephemeral and illusory solutions.

Where is that instead we do have really have to look?

Within yourself. This is the only answer. It is not easy at all. It’s not easy because the outside always seems so beautiful and bright, while the inside is dark and things do not appear clearly, then, it’s frightening. It is not easy to sit with yourself, in front of yourself and “talk”. And the only way to really talk to you is to be silent. There are answers that only silence can give and, as darkness, silence scares. Yes, it scares because it could be suddenly interrupted by something unexpected. Yes, it scares because it leaves us naked in front of the mirror of our soul. Being naked scares. Being naked, in silence, in the darkness of ourselves, scares. Not everyone has the courage to do it, and many of those who embrace the challenge, midway take a step back frightened and find themselves back to square one. It is not easy, but after every climb there is always a descent.

Today’s society has grown in the philosophy of NEED. We grew up as incomplete beings that always NEED something or someone to be complete, happy and completely happy. Everything is now advertised and sold to satisfy our needs…

“SELLING EMOTIONS” was the headline of a newspaper article that I read about ten years ago…

Everything and every person has a particular and special role in our life, but everything and every person has to be seen as a means of enrichment and expansion and not erroneously as a means of completion…as a need! There is nothing outside of ourselves that can complete us; however there is an immense variety of experiences and people who can enrich us.

It’s hard to accept it. It’s difficult to be “self-sufficient”. It’s hard to really love yourself without feeling the need of external confirmations, without giving too much importance to others’ opinions, without having always a shoulder to cry on or a hand to hold onto. Nowadays you can just look out the window, watch the TV or walk in a shopping center to find yourself inundated with “pre-packaged solutions” full of additives that “suicide” your soul.

We don’t need it!

If we meet on our journey, people who give us love and serenity, we must be happy and thankful for that… but we must also see it as a very nice meeting, as a fabulous time of sharing…and nothing more! We meet people but do not belong to each other, never. Nothing and no one can complete us, but only enrich us. Nobody can fill our sense of emptiness, because this would be like seeing the other as a physical object to get stuck into yourself, like a puzzle piece missing, and leave it there forever…impossible!!! Not even the real objects can complete us…how can they complete us anyway? They are OBJECTS!

In this path within yourself you must remember one thing:

In order to achieve your inner peace it’s not enough to find refuge on your own peaceful island. Knowing how to be alone with yourself is an unmistakable quality but it must not be confused with the only way of resolution. Who has really reached a state of balance with him/herself is the one who has managed to find a balance with him/herself, with the surrounding reality and, above all, with him/herself in this reality. Reality that includes a host of things, situations and people…many of which often create unease to us. Inconveniences that willingly are our best teachers of life, because they put us to the test and turn on in us the alarm and the desire of resolution.

Annunci

Niente e nessuno puo’ completarci, ma solo arricchirci.

Non siamo esseri perfetti, ma siamo perfetti nella nostra completezza.

In che senso?

Nel senso che ognuno di noi ha disposizione gli strumenti necessari per il raggiungimento della propria completezza.

Allora perché ci sentiamo sempre e in qualche modo incompleti? Perché ci affanniamo così tanto nella ricerca di cose e persone che ci completino? Cos’è veramente che ci manca?

In realtà non ci manca nulla, ma il problema risiede proprio nel fatto che abbiamo sempre la sensazione che ci manchi qualcosa.

Ad esempio, se il nostro stomaco ci dà un minimo cenno di vuotezza, noi corriamo subito alla ricerca di cibo e ci strafoghiamo come se non ci fosse un domani. Non diamo neanche troppa importanza a quello che mangiamo, l’importante è che colmiamo il vuoto! Spesso non abbiamo neanche davvero fame, ma è semplicemente la nostra sensazione di incompletezza ad illuderci di aver fame e di poterci colmare con del cibo…..GNAM, GNAM, GNAM!

Quando invece ci sentiamo incompleti e soli, corriamo a fare shopping, ma non comprendiamo che è solo il nostro armadio a essere riempito mentre la nostra anima si svuota sempre di più….COMPRARE, COMPRARE! È bello ogni tanto farsi un regalo, ma spesso e volentieri è come se noi ci regalassimo a quel vestito o a quel cellulare…vendendo l’anima ai nostri oggetti e trasformando noi stessi in oggetti.

La stessa cosa spesso accade con il nostro cuore. Se esso ci dà la minima sensazione di sofferenza o di solitudine, eccoci che corriamo immediatamente alla ricerca di affetto, amore, amici, amanti….e qualora questi dovessero venire a mancare o non dovessero colmarci pienamente, ci tuffiamo in alcool, droghe…..SPLASH! Sarà davvero il nostro cuore a parlarci, a mentirci?

Se percepiamo una minima sensazione di profondo silenzio, ci precipitiamo nel chiamare un amico al telefono, nell’accendere la TV o nell’ascoltare della musica. Abbiamo sempre bisogno di comunicare o di ascoltare qualcuno o qualcosa che ci parli, che ci ascolti….BLA, BLA, BLA!

Abbiamo davvero bisogno di colmarci in questo modo o di affannarci così disperatamente nella ricerca di qualcosa o qualcuno che ci colmi pienamente e il prima possibile? E, soprattutto, ci sentiamo davvero appagati dopo? Sentiamo di aver risolto davvero questa mancanza? Forse ce ne illudiamo per i primi secondi, minuti o giorni…ma poi?

Poi ci ritroviamo nuovamente affannati e alla ricerca di qualcos’altro….e così all’infinito. Soffriamo, corriamo, cerchiamo, troviamo, gioiamo, perdiamo, piangiamo….ri-soffriamo, ri-corriamo, ri-troviamo….

Il problema sta nel fatto che finché continueremo a cercare all’esterno la soluzione a questa sensazione di mancanza, finiremo solo per trovare soluzioni effimere e illusorie.

Dov’è che invece bisogna guardare davvero?

Dentro noi stessi. Questa è l’unica risposta. Non è per nulla facile. Non è per niente facile perché fuori sembra sempre tutto così bello e luminoso, mentre dentro di noi è buio e le cose non appaiono chiaramente, quindi, spaventano. Non è facile sedersi con se stessi, di fronte a se stessi e “parlarsi”. E l’unico modo per parlarsi davvero è stare in silenzio. Ci sono risposte che solo il silenzio può dare e, come il buio, il silenzio spaventa. Sì, spaventa perché potrebbe essere interrotto improvvisamente da qualcosa d’inaspettato. Sì, spaventa perché ci lascia nudi davanti allo specchio della nostra anima. Essere nudi spaventa. Essere nudi, in silenzio, nel buio di noi stessi, spaventa. Non tutti hanno il coraggio di farlo e, molti di quelli che abbracciano la sfida, a metà del percorso fanno un passo indietro spaventati e si ritrovano punto e a capo. Non è facile, ma dopo ogni salita c’è sempre una discesa.

La società odierna ci ha cresciuti nella filosofia del BISOGNO. Ci ha cresciuti come esseri incompleti che hanno sempre BISOGNO di qualcosa o qualcuno per essere completi, felici e completamente felici. Tutto è ormai pubblicizzato e venduto per soddisfare i nostri bisogni…

“SI VENDONO EMOZIONI” era il titolo di un articolo di giornale che lessi una decina di anni fa…

Ogni cosa e ogni persona ha un ruolo particolare e speciale nella nostra vita, ma ogni cosa e ogni persona deve essere vista come mezzo di arricchimento e di espansione e non, erroneamente, come mezzo di completamento…come bisogno! Non c’è nulla all’infuori di noi stessi che può completarci, tuttavia c’è un’immensa varietà di esperienze e di persone che possono arricchirci.

E’ difficile accettarlo. E’ difficile “bastarsi”. E’ difficile volersi bene davvero senza sentire il bisogno di conferme esterne, senza dar troppo peso a giudizi altrui, senza avere sempre una spalla su cui piangere o una mano cui aggrapparsi. Oggigiorno basta affacciarsi alla finestra, premere un tasto della TV o camminare in un centro commerciale per ritrovarsi inondati da “soluzioni preconfezionate” e piene di additivi che “suicidano” la nostra anima.

Non ne abbiamo bisogno!

Qualora dovessimo incontrare sul nostro percorso di vita persone che ci conferiscono amore e serenità, dobbiamo sì gioirne…ma vedere il tutto come un bell’incontro, come una favolosa condivisione….e nulla di più! Ci s’incontra ma non ci si appartiene, mai. Niente e nessuno puo’ completarci, ma solo arricchirci. Nessuno puo’ colmare la nostra sensazione di mancanza, perché questo equivarrebbe a vedere l’altro come un oggetto fisico da incastrarci dentro, a mo di pezzo di puzzle mancante, e lasciarlo lì per sempre: impossibile!!! E neanche gli oggetti veri e propri possono completarci…come potrebbero mai completarci del resto? Sono OGGETTI!

In questo percorso all’interno di noi stessi dobbiamo però ricordare una cosa fondamentale:

Per raggiungere la serenità interiore non basta trovare rifugio nella propria isola di pace. Saper stare soli con se stessi è una qualità inconfondibile ma non va confusa con l’unica via di risoluzione. Chi ha davvero raggiunto un equilibrio con se stesso è colui che è riuscito a trovare un equilibrio con se stesso, con la realtà circostante e, soprattutto, con se stesso all’interno di questa realtà. Realtà che include una miriade di cose, situazioni e persone…molte delle quali spesso ci creano disagi. Disagi che però ben volentieri sono i nostri migliori maestri di vita, poiché ci mettono alla prova e ed accendono in noi l’allarme e il desiderio di risoluzione.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: